Testosterone

Il testosterone è il più importante composto endogeno per attività anabolica e androgenica.

Nome IUPAC 17b-idrossi-4-androsten-3-one
Formula bruta C19H28O2
Peso molecolare 288,43 g/mol
Punto di fusione 155-156°C
Rotazione specifica +110,2°
Entalpia standard di combustione -11080 kJ/mol
Metabolismo fegato, testicoli, prostata
Tempo di emivita 1-12 giorni
Escrezione urina
Nell'uomo sono prodotti approssimativamente 8 mg/die di testosterone.

Negli individui di sesso maschile il testosterone è prodotto per circa il 95% dalle cellule di Leydig del testicolo e per il 5% dalla corteccia surrenalica.

Negli individui di sesso femminile i siti di produzione dell'ormone sono il surrene, l'ovaio (corpo luteo) e il tessuto adiposo.

Dopo la pubertà, i livelli plasmatici di testosterone sono approssimativamente di 0,6 mg/dl nei maschi e 0,03 mg/dl nelle femmine.

Nel sesso maschile le principali funzioni svolte dall'ormone consistono nella formazione del fenotipo maschile durante la differenziazione sessuale e nell'induzione della maturazione e funzione sessuale conseguenti alla pubertà (infatti stimola la spermatogenesi, la crescita e la funzione delle ghiandole sessuali secondarie e la crescita dei peli; agisce inoltre da anabolizzante sui muscoli e sulle ossa).

Nel sesso femminile, la produzione di testosterone, responsabile della crescita dei peli pubici e ascellari, può influenzare il comportamento sessuale.

Nel processo di sintesi endogena di testosterone viene prodotto anche il suo isomero epitestosterone, con gruppo idrossilico in C17 in posizione a. Nei maschi normali, il rapporto tra le concentrazioni plasmatiche di testosterone ed epitestosterone è di 4:1.

Oltre al testosterone, altri steroidi endogeni, utilizzati per finalità di doping, sono:

androstenediolo

androstenedione

deidroepiandrosterone

diidrotestosterone

L'androstenedione è il più immediato precursore del testosterone, nel quale viene convertito per azione dell'enzima 17bidrossisteroidodeidrogenasi. L'androstenedione è uno steroide, ad azione androgena e anabolica, prodotto ad opera della flora batterica ascellare.
Viene utilizzato per aumentare o livelli di testosterone nel sangue, con lo scopo di aumentare la forza, la massa muscolare magra e le prestazioni sessuali. Comunque nessuna ricerca ha finora affermato che l'androstenedione e i composti ad esso correlati aumentano significativamente la forza e/o la massa magra a causa dell'aumento dei livelli di testosterone.
Gli effetti dovuti ad un uso prolungato di andostenedione sono ancora sconosciuti4.

Il deidroepiandrosterone (DHEA) è un debole androgeno, usato anche per aumentare i livelli di testosterone, come antiobesità e come supplemento antietà per migliorare la libido, la vitalità e i livelli immunitari.
Alcune ricerche dimostrano che il DHEA non aumenta la concentrazione di testosterone nel siero, nè aumenta la forza negli uomini; può tuttavia avere effetti virilizzanti nelle donne4.

Gli effetti ergogenici ricercati dagli atleti (mediante assunzione di steroidi anabolizzanti androgeni) sono riconducibili alla stimolazione della sintesi proteica a livello della muscolatura scheletrica, cui si accompagnano un bilancio azotato positivo, la ritenzione di acqua (per ridotta eliminazione urinaria di sodio, potassio e cloro) e l'aumento del peso corporeo.

HOME