Studi di enantioselettività e odore:
un po' di storia...

Da questi lavori si deduce che l’olfatto umano può essere in grado di distinguere il diverso odore di due enantiomeri, ma è necessario che i campioni siano puri.
Le tecniche analitiche e i metodi stereochimici utilizzati per produrre campioni puri devono essere rigorosi ed eseguiti con estrema attenzione e, per avere dati attendibili, è necessario che vi sia una giuria formata da persone “allenate”, cioè persone in grado di riconoscere i diversi odori.
[2]

Torna su