Anestesia Generale[2]


Al contrario di quelli locali, gli “anestetici generali” sono una categoria di farmaci appartenenti a diverse classi chimiche e che, con diverso meccanismo d'azione, sono in grado di deprimere il sistema nervoso centrale provocando una reversibile perdita di coscienza. Possono essere somministrati tramite due vie:

via inalatoria:[39]    via endovenosa:[8]
Sono sostanze gassose o facilmente volatili che il polmone assorbe con grande rapidità, mette in circolo e altrettanto rapidamente elimina. Molti degli anestetici generali volatili hanno ormai un interesse unicamente storico mentre altri sono di comune impiego anche oggi. Gli anestetici alogenati presentano i vantaggi di una buona tollerabilità da parte dei pazienti e di un ottimo rilassamento muscolare, senza eccessiva depressione del sistema nervoso centrale.
  
Oltre ai barbiturici (Pentothal, farmotal) vengono oggi utilizzati l'etomidate, la ketamina ed il propofol. I farmaci miorilassanti occupano un ruolo sempre più importante quali coadiuvanti dell'anestesia: facilitano l'intubazione tracheale e l'adattamento del paziente al ventilatore meccanico, oltre che migliorare l'andamento delle operazioni chirurgiche quando è richiesto un rilassamento muscolare.
  
  
  
  
  
  
  • Benzodiazepine