Bupivacaina[27]


È solubile in acqua sotto forma di sale cloridrato e stabile alla sterilizzazione in autoclave.
La sua formula bruta è: C18H28N2O
Si lega alle proteine plasmatiche per il 79-90%.
La forma non legata viene metabolizzata nel fegato per N-dealchilazione. Il 10% è escreto, immodificato, nelle urine.
Questo anestetico locale è caratterizzato da un lungo periodo di latenza e da una lunga durata d'azione. La sua potenza è infatti quattro volte superiore a quella della lidocaina, ma conseguentemente anche la sua tossicità è maggiore.
In particolare, la sua cardiotossicità in gravidanza sembrerebbe aumentata.

CLICCA QUI per accedere alla pagina della molecola sul "NIST Chemistry WebBook".

Proprietà chimico-fisiche: Proprietà farmacologiche:
  • Otticamente attiva, preparata come mistura racemica
  • Termostabile
  • Liposolubilità: 2,8
  • Legame proteico: 96%
  • pKa: 8,2
  • Peso molecolare: 288 g/mol
  • Alta tossicità cardiaca
  • Uso: anestesia spinale, analgesia epidurale post-operatoria