Clorprocaina[29]


Si presenta come polvere cristallina bianca (sale cloridrato) ed è solubile in acqua.
La sua formula bruta è: C13H19ClN2O2
È abbastanza resistente al calore: può essere sterilizzata in autoclave, ma va incontro a decomposizione fotochimica.
Se esposta lungamente alla luce la soluzione assume un colorito giallastro per la presenza di prodotti ossidanti. Ha una potenza doppia ed una tossicità dimezzata rispetto alla procaina, quest’ultima dovuta alla rapida idrolisi enzimatica a livello plasmatico.
La clorprocaina era stata ritenuta responsabile di essere neurotossica, ma la sua tossicità per il tessuto nervoso non dipendeva dal farmaco in se, ma dal basso pH delle soluzioni e dalla presenza di alte concentrazioni di bisolfito di sodio impiegato come antiossidante: attualmente le soluzioni anestetiche di clorprocaina non contengono più tale agente.

CLICCA QUI per accedere alla pagina della molecola sul "NIST Chemistry WebBook".

Proprietà chimico-fisiche: Proprietà farmacologiche:
  • Liposolubilità: 0,14
  • pKa: 8,7
  • Peso molecolare: 271 g/mol
  • Onset rapido
  • Breve durata d’azione
  • Uso: blocchi nervosi periferici ed anestesia epidurale