Anestetici "generali" somministrabili per via inalatoria:

Vai a: Anestesia generale
Vai a: Anestetici "generali" somministrabili per via endovenosa

Alotano

NOME IUPAC:
2-bromo-2-cloro-1,1,1-trifluoroetano
FORMULA BRUTA:
CF3CHClBr
MASSA MOLECOLARE:
197,38 g/mol
ASPETTO:
incolore
Anestetico generale appartenente al gruppo degli idrocarburi alogenati. Viene utilizzato per una anestesia profonda, assieme al protossido di azoto ed altri rilassanti muscolari. Nonostante la sua tossicità, dovuta alla formazione di metaboliti epatotossici, è ancora usato in quanto, avendo un elevato potere depressore, se ne può somministrare poco ed ottenere ugualmente gli effetti desiderati. Non è irritante per le mucose e non è infiammabile.





Desflurano

NOME IUPAC:
2,2,2-trifluoro-1-fluoroetil-difluorometil etere
FORMULA BRUTA:
C3H2F6O
MASSA MOLECOLARE:
168,038 g/mol
ASPETTO:
incolore
È utilizzato per indurre o mantenere l'anestesia durante un intervento chirurgico. È liquido a temperatura ambiente e risulta essere quello con la maggior velocità d'azione. Scarsamente potente, ma di elevato costo. Può causare tachicardia se somministrato ad alte concentrazioni.





Enflurano-Isoflurano

NOME IUPAC:
2-cloro-1,1,2-trifluoroetil-difluorometil etere
1-cloro-2,2,2-trifluoroetil difluorometil etere
FORMULA BRUTA:
C3H2ClFO
MASSA MOLECOLARE:
184,492 g/mol
ASPETTO:
incolore
Si tratta di due isomeri di struttura: Il primo molto usato durante gli anni settanta e gli anni ottanta, il secondo utilizzato in anestesia veterinaria. Entrambi liquidi a temperatura ambiente e non infiammabili.





Sevoflurano

NOME IUPAC:
(2,2,2-trifluoro-1-[trifluorometil]etil fluorometil etere)
FORMULA BRUTA:
C4H3F7O
MASSA MOLECOLARE:
200,055 g/mol
ASPETTO:
incolore
Dall'odore dolciastro, completamente non infiammabile usato per l'induzione e il mantenimento dell'anestesia. La sua velocità d'azione e di smaltimento sono secondi solamente a quelle del desflurano, ma grazie alla sua poca irritabilità delle mucose è più frequentemente utilizzato per indurre l'anestesia in maschera. È liquido a temperatura ambiente; introdotto nella pratica clinica per la prima volta in Giappone nel 1990.