Diabete[12]

È una questione dibattuta. Alcuni autori riscontrano un certo aumento di incidenza, altri assolutamente niente. Il gruppo di Bertazzi [13] ha trovato una correlazione positiva nell’incidente di Seveso tra esposti alla contaminazione e non, soprattutto nelle donne (RR=2.4, CI al 95% da 1.2 a 4.6). Longnecker e Michalek[14] trovano una correlazione un po’ minore tra i veterani del Vietnam (RR=1.7, CI al 95% da 1.0 a 2.91). Nessuna correlazione, sempre su veterani dell’Orange Agent, sono stata invece trovate dal gruppo di Michalek[15] e da quello di Steenland[16] e Calvert et al.[17]. Non trovano alcuna relazione statisticamente significativa tra lavoratori esposti al rischio e gruppo di controllo. Stesso risultato, sempre su lavoratori esposti, è stato ottenuto dal gruppo di Steenland[18]. Questi dati contrastanti potrebbero essere la conseguenza del diverso tipo di miscele diossiniche prese in considerazione (Seveso, Vietnam, industriali), del diverso tipo di intossicazione, acuta o cronica o dovute alle diverse caratteristiche genetiche di popolazione.
Per indurre del diabete sembrano necessari livelli di accumulo piuttosto alti, almeno di100 ng/Kg pv o più.