Dalle origini al XV secolo

L’importanza del colore rosso risale ai primordi dell’umanità quando nelle caverne l’uomo ne dipingeva le pareti con figure nere e ocra. Nell’antico Egitto il rosso aveva valenze prevalentemente negative essendo legato a Seth, uccisore di Osiride, che aveva occhi e capelli rossi, mentre il nero non aveva valenze così negative essendo il colore del limo, apportatore di vita, e l’Egitto stesso veniva chiamato Kemet, terra nera.

L'era preistorica Gli Egizi
Il cinabro: dalla Cina all'Impero Romano I Greci e il minio
Lacche e stoffe I pigmenti artificiali
Il Medioevo