Rosso di antimonio o Vermiglione di antimonio

minerale cetineite

Venne ottenuto per la prima volta a Kiel da Himly nel 1842 ma risultava un pigmento poco permanente [1]. Si tratta del trisolfuro di antimonio (Sb2S3); in natura si trova in diverse forme come la stibnite che però è nera. Il corrispondente minerale è molto raro e viene chiamato cetineite dal nome della miniera italiana Cetine dove lo si trovò [7].

Stibnite

Questo pigmento viene soprattutto utilizzato nella tecnica a olio e tempera, me viene sconsigliato per l’affresco.

- Metodo di sintesi

Il trisolfuro di antimonio si ottiene riscaldando a bagno maria una soluzione di tricloruro di antimonio con una soluzione di iposolfito sodico, precipitato viene quindi lavato ed essiccato [c].