SINTESI dell'ACIDO 2-IDROSSIBENZOICO e del CATECOLO
Questo studio condotto presso l'università di Palermo[18] mostra la possibilità di condurre reazioni di inserzione della CO2 su substrati aromatici mediante metodi fotochimici. In particolare si è osservato che la riduzione fotocatalitica di CO2 in presenza di fenolo e con catalizzatori diversi dà origine all'acido 2-idrossibenzoico (acido salicilico) e al catecolo con rese e rapporti che variano a seconda del catalizzatore. I risultati ottenuti sono riportati in Tabella 1 dove si può notare che la resa maggiore per l'acido 2-idrossibenzoico si ottiene usando TiO2 anatase che è più performante rispetto alla TiO2 P25 (80%anatase e 20% rutile) a causa delle sue maggiori proprietà ossidanti. Per il catecolo la resa maggiore si ottiene in presenza di WO3 drogato al 2% p/p con Pt il quale modifica l'assorbimento dei reagenti sul catalizzatore ma sopratutto cattura gli elettroni della banda di conduzione limitando la ricombinazione.
Le ipotesi sul meccanismo di reazione sono riportate nelle equazioni (2)-(9) dalla quale è evidente che si ha una competizione per l'adsorbimento sul catalizzatore delle varie specie che intercorrono nell'ossidazione ed è proprio questo fattore che probabilmente genera il differente rapporto tra i prodotti.


Torna su