I principali ormoni in gravidanza[2,3,4]

Durante la gravidanza il ruolo di alcuni ormoni risulta fondamentale per innescare quei cambiamenti necessari alla gravidanza stessa. Gli ormoni infatti mettono in atto dei processi che trasformano il corpo della donna, lo predispongono alla gravidanza e lo preparano al parto; senza tali cambiamenti la donna non sarebbe in grado di partorire. Nel corpo della futura mamma si crea quindi una situazione complessa e delicata e grazie alle informazioni fornite da sostanze ormonali il fisico della futura mamma si modifica per poter accogliere il bambino. Oggetto di queste trasformazioni sono tutti gli organi del corpo femminile nonchè le ossa, il metabolismo e il sistema cardiocircolatorio. Durante i primi tre mesi di gravidanza tutte le trasformazioni corporee sono necessarie per consentire l’attecchimento dell’ovulo e far sì che l’embrione si annidi solidamente. C’è da dire che le modificazioni non riguardano solo il corpo: gli ormoni intervengono anche a livello delle emozioni provocando un lento processo di cambiamento e adattamento non solo fisico ma anche emotivo.

La futura mamma ha bisogno di tempo, riposo e sonno per consentire al proprio corpo di abituarsi al nuovo stato. I principali ormoni che intervengono durante la gravidanza sono la gonadotropina corionica umana (beta HCG), il progesterone, gli estrogeni e la prolattina.All’inizio della gestazione tutti questi ormoni vengono prodotti dal corpo luteo gravidico, ossia quel che resta del follicolo una volta che è avvenuta l’ovulazione; una volta che l’embrione si è ben impiantato nell’utero essi vengono rilasciati dalla placenta. Nella fase finale della gravidanza anche il feto comincia a produrre ormoni che entrano in circolo nell’organismo materno. Tutte queste trasformazioni fanno parte della naturale fisiologia della gravidanza ed è importante riconoscerle e rispettarle perché la gravidanza stessa sia un momento di benessere sia per la madre che per il bambino.
La gonadotropina corionica umana è un ormone che si presenta solo in gravidanza (è definito infatti “l’ormone della gravidanza”) ed è fondamentale nella fase iniziale della gestazione. Viene prodotto dal trofoblasto, un tessuto embrionale che con l’avanzare della gravidanza darà origine alla placenta. Una delle funzioni della gonadotropina corionica umana è quella di stimolare il corpo luteo, ossia quel che resta del follicolo una volta che è avvenuta l’ovulazione, a produrre il progesterone.
Il Beta HCG contribuisce anche all’aumento delle pareti uterine, interviene nello sviluppo della placenta e favorisce l’annidamento dell’ovulo fecondato.

Il progesterone garantisce il normale svolgimento della gravidanza, stimola la funzione mammaria ma è anche responsabile dell’aumento della temperatura corporea e in alcuni casi può causare stitichezza.

Gli estrogeni sono ormoni importantissimi che influiscono profondamente sulla gravidanza determinando le condizioni generali dell’apparato genitale, degli organi della riproduzione e del seno. Sono elaborati dalla placenta mediante sostanze attivanti secrete dalle ghiandole surrenali sia della madre che del bambino. Progesterone ed estrogeni sono anche responsabili dell’aumento del volume respiratorio, del volume plasmatico e dell’attività di tutte le ghiandole endocrine; modificano anche la funzione renale, l’attività epatica e i livelli di zuccheri, grassi e proteine nel sangue.

La prolattina è un ormone secreto dall’ipofisi ed è importantissimo per la lattazione, permette infatti la produzione del latte materno attraverso le ghiandole mammarie.

Gli altri ormoni della gravidanza, quali la somatotropina, la relaxina, le endorfine, agiscono in maniera simile o complementare, il cortisolo modifica l'attività degli anticorpi, del sistema immunitario ed aumenta la glicemia.


Torna su