Blu di Brema

Blu di Brema

Nomi Antichi
Blu di Peligot
Blu di Payen
E'un pigmento di origine inorganica inventato da Peligot nel 1858. Si tratta di un idrossido di rame Cu(OH)2, con presenza di carbonato di rame Secondo Hurst č un pigmento con scarso potere colorante, dalla tinta blu-verde, e attualmente in declino poichč pių efficacemente sostituito dall'oltremare artificiale e dal blu di cobalto. Diversi sono i metodi di manifattura, per la maggior parte caratterizzati dalla presenza di solfato di rame, sale comune e soda, tranne un procedimento che Hurst definisce come il pių a buon mercato. Esso consiste nel far reagire una soluzione di solfato di rame con una di cloruro di calcio (o di bario), finche si ottenga un liquido blu chiaro che deve essere mescolato con latte di calce appositamente preparato. Una volta che il composto di rame sia tutto precipitato, viene lasciato a depositare, lavato e macinato, quindi usato come pigmento.
Cenni storici
Il pigmento fu ottenuto per la prima volta nel 1858 da Peligot che riuscì a produrre un idrossido di rame abbastanza stabile, resistente all'acqua bollente, a differenza dei composti al rame fino allora ottenuti derivanti dalla precipitazione di un sale di rame in soluzione con un eccesso di potassa o soda che annerivano rapidamente. Il Blu di Brema č quindi un pigmento per cosi dire "moderno".
Caratteristiche chimiche
formula chimica CuO + nH2O
colore blu
lucentezza vitrea
E’ insolubile in acqua ed ha un buon potere coprente. Può essere impiegato con l’affresco, la tempera e l’olio. Sconsigliato con l’affresco.