Adsorbimento

Le caratteristiche di adsorbimento sono state determinate tramite il numero di iodio e l'adsorbimento di blu di metilene. Il numero iodio definito in termini di milligrammi di iodio (I2) adsorbito da 1g di carbone attivo quando la concentrazione di iodio all'equilibrio 0.01 M [18].

In questo studio stato utilizzato un metodo a tre punti (onde evitare l'uso del fattore di correzione normalmente utilizzato nel meno accurato sistema a un punto) [22]. La procedura per la determinazione del numero di iodio la seguente: tre campioni di carbone attivo sono stati pesati in tre matracci (peso dei campioni tra i 300 e i 600 mg). Dieci millilitri di una soluzione al 5% in acido cloridrico sono stati aggiunti ad ogni matraccio e mescolati finch il carbone non era completamente bagnato.

La mistura stata dunque bollita per 30 secondi e infine raffreddata. Ad ogni matraccio sono stati poi aggiunti 100 millilitri di una soluzioni 0.05 M di iodio. Il contenuto stato vigorosamente mescolato per 30 secondi e quindi immediatamente filtrato. Un'aliquota di 50 ml di ciascun filtrato stata titolata con una soluzione standardizzata di tiosolfato 0.1 M. per ogni campione, la concentrazione residua di iodio ottenuta dovrebbe essere compresa tra 0.004 e 0.02 M. Realizzando un grafico con la quantit di iodio adsorbita per grammo di carbone rispetto alla concentrazione residua, si ottiene una linea retta che permette la determinazione grafica del numero di iodio.

L'adsorbimento di blu di metilene stato condotto mescolando 0.300g del carbone attivo preparato con 100 mL di una soluzione di blu di metilene con una concentrazione di 1000 mg L-1 . Dopo aver agitato per 24 ore, la sospensione stata filtrata e il blu di metilene residuo stato misurato a 660 nm, usando uno spettrofotometro UV/visibile (OPTIMA, SP-3000 plus). Per determinare la concentrazione stata usata una relazione lineare di Lambert-Beer precedentemente stabilita. stato fato un confronto tra le caratteristiche di adsorbimento della sansa di olive e quelle di altri carboni attivi disponibili in letteratura.

Le caratteristiche del carbone ottenuto dalla sansa di olive sono comparabili e a volte preferibili a quelle degli altri adsorbenti. Il rapporto tra il peso del carbone attivo ottenuto e quello della materia prima di partenza da un valore di 42.9%, decisamente pi alto rispetto a quello osservato per i carboni attivi di altre derivazioni (tra il 25 e il 20%) [26].