Tossicità CisPt Tossicità Cisplatino



Introduzione
Storia
Struttura
Meccanismo d'azione
Proprietà Chimico-Fisiche
Analoghi
Glossario
Bibliografia


Uno dei maggiori ostacoli alla diffusione di questo farmaco è la sua persistenza nel mostrare numerosi effetti colllaterali di tossicità.

Uno dei principali è la nefrotossicità.
Il Cisplatino può infatti causare danni renali che includono la degenerazione tubulare, necrosi e mineralizzazione delle cellule epiteliali tubulari. Sebbene il danno renale sia uno dei magiori effetti del cisplatino, mostra però pochi sintomi come nausea e vomito.

Un'altro effetto è l'ototossicità che si manifesta soprattutto nei bambini.
L'ototossicità porta alla perdita di equilibrio per difficoltà uditive. I sintomi iniziali includono tintinni (fischi alle orecchie).
Questi effetti dovrebbero arrestarsi a fine trattamento, ma talvolta accade che alcuni pazienti perdano irreversibilmente l'udito nel range delle alte frequenze(>4KHz).

Le altre manifestazioni tossiche sono comuni a quelle esercitate dagli altri antitumorali: nausea, vomito, diminuzione dei globuli rossi, formicolii nelle mani e nei piedi (neurotossicità mostrata soprattutto con alti dosaggi) del farmaco.
Sono invece meno comuni la diminuzione delle piastrine, i rigonfiamenti facciali, la dispnea (fiato corto), i crampi muscolari, la vista offuscata e la perdita di appetito.
La nausea e il vomito sopraggiungono normalmente circa un’ora dopo la somministrazione del farmaco e possono durare per diverse ore. Durante il periodo di somministrazione del Cisplatino si possono somministrare medicinali anti-nausea ed è consigliabile bere molto per mantenere abbondante l’urina.

Le reazioni alla chemioterapia e alla somministrazione del Cisplatino variano da individuo a individuo: alcuni pazienti accusano pochissimi effetti collaterali, altri, invece, devono sopportare conseguenze più pesanti.
Bisogna inoltre tenere presente che gli effetti collaterali possono essere diversi se il trattamento è effettuato, anziché con un solo farmaco, con una combinazione di chemioterapici.[9, 14]



Torna in cima alla pagina