UNA TRAGEDIA ANNUNCIATA
Lo Zeppelin (probabilmente il più famoso tra i dirigibili) è un tipo di aeronave rigida, di cui fu pioniere il Conte Ferdinand von Zeppelin all'inizio del XX secolo. I dirigibili zeppelin erano vascelli più leggeri dell'aria, che usavano una struttura rigida, con un involucro esterno aerodinamico e all'interno diversi palloni separati chiamati 'celle' che contenevano gas idrogeno. Uno scompartimento molto più piccolo, per i passeggeri e l'equipaggio era costruito nella parte inferiore della struttura. Diversi motori a scoppio fornivano la forza di spinta. Il dirigibile di maggior successo di quel periodo fu l' LZ 127 "Graf Zeppelin" che percorse oltre un milione e mezzo di chilometri di navigazione, compresa la (attualmente unica) circumnavigazione del globo con un dirigibile. La Zeppelin chiuse intorno agli anni trenta a seguito del disastro dell'Hindenburg, nel quale l'ammiraglia della Zeppelin prese fuoco in fase di atterraggio. Ad ogni modo, durante circa 20 anni di operatività come compagnia aerea privata, fu quanto meno profittevole ed ebbe un perfetto record dal punto di vista della sicurezza fino all'incendio dell'Hindenburg. L'LZ-129 Hindenburg è stato il più grande apparecchio volante mai costruito. Era uno zeppelin tedesco e portava il nome del Presidente della Germania, Paul von Hindenburg. Aveva una struttura innovativa, interamente in alluminio: 245 m di lunghezza e 41 m di diametro, conteneva 211.890 m³ di gas divisi in 16 scomparti, con una spinta utile di 112 tonnellate, ed era spinto da quattro motori da 1100 CV (820 kW), che gli consentivano una velocità massima di 135 km/h. Poteva portare 72 passeggeri (50 nei voli transatlantici) ed aveva un equipaggio di 61 uomini. Per motivi aerodinamici, i passeggeri erano alloggiati all'interno del corpo del dirigibile, piuttosto che nelle gondole. Il rivestimento era in cotone, drogato con ossido di ferro e acetato butirrato di cellulosa impregnato con polvere d'alluminio. L'Hindenburg era stato pensato per essere riempito con elio, ma un embargo militare statunitense su questa sostanza, costrinse i tedeschi ad utilizzare l'altamente infiammabile idrogeno. Conoscendo i rischi che l'idrogeno comportava, gli ingegneri impiegarono diverse misure di sicurezza per evitare che l'idrogeno causasse incendi in caso di perdite, e trattarono il rivestimento dell'aeronave per prevenire le scintille elettriche che potevano causare il fuoco. Il 6 maggio 1937, alle 19:25, l'Hindenburg, prende fuoco e viene completamente distrutto, nel giro di un minuto, mentre cerca di attraccare al pilone di ormeggio della Stazione Aeronavale di Lakehurst nel New Jersey. Anche se il disastro è famoso, delle 97 persone a bordo, solo 35 morirono.







indietro